Commovente cerimonia funebre a ricordo dei Caduti di Cefalonia.

Nella chiesa di San Bartolomeo si è svolta una solenne cerimonia per ricordare i militari uccisi a Cefalonia… i militari tedeschi, dopo l’otto settembre 1943, sull’isola greca di Cefalonia e, successivamente, in mare, effettuarono un eccidio di militari italiani della Divisione Acqui che, all’improvviso si trovarono ad essere nella drammatica condizione di avversari . Quasi tutti i nostri militari si erano opposti alla richiesta della consegna delle armi, imposta dal comando tedesco: da qui gli scontri e le uccisioni. Secondo molti storici, nel corso dei drammatici avvenimenti dei giorni successivi, i morti italiani furono oltre 5.000 ( per altri, molti di più : di questi almeno 300 erano bergamaschi, ed oggi si è svolta la cerimonia religiosa per ricordarli e per celebrarne la memoria La folla dei partecipanti è stata imponente, molto di più di quanto le autorità si aspettassero: non solo la chiesa era piena, ma le persone riempivano tutta l’area del Sentierone, per oltre la metà dello stesso. La commozione era molto intensa, non solo per la presenza dei famigliari dei caduti, giunti in Città da ogni parte della provincia, ma anche per quella di alcuni superstiti, pochi per la verità. Sul panno nero del lutto che copriva l’ingresso al tempio c’era, sotto la bandiera tricolore, una epigrafe di grandi dimensione con la scritta, in caratteri d’oro: ”Alta l’illuminata fronte, caddero, nel massacro di Cefalonia: 300 bergamaschi morivano perché l’Italia rivivesse“. Per non dimenticare!